«Doppiaggese»: Verso la costruzione di un metodo

«Doppiaggese»:  Verso la costruzione di un metodo Visualizza ingrandito

Angela Sileo

194

2018

UniversItalia

n/a

220x148

978-88-3293-157-0

Nuovo prodotto

“L’auspicio è quello di non limitare l’attenzione alle pratiche della trasposizione cinetelevisiva ai soli studi accademici, ma di allargare lo sguardo al miglioramento del mercato, interno ed estero. Per far questo […] occorre migliorare la competenza degli adattatori dialoghisti nostrani e stranieri. 

Maggiori dettagli

€ 16.00

Le lingue sono in perenne mutamento, da sempre sottoposte a pressioni non soltanto endogene. In Italia come in altri Paesi, l’influsso dell’angloamericano si avverte oggi costante e massiccio nella lingua quotidianamente prodotta dai parlanti nativi o per essi ‘fabbricata’. I media hanno (avuto) un ruolo non secondario in tal senso. Dedicare maggiore attenzione ai prodotti audiovisivi adattati per il pubblico nazionale significa evitare di confezionare dialoghi artificiosi e dunque poco probabili, che inficiano la fruizione dei prodotti stessi e portano a graduali ristrutturazioni del sistema linguistico ricevente. Questo studio vuole essere un punto di partenza per la costruzione di un metodo quanto possibile oggettivo al fine di individuare le zone maggiormente instabili dell’italiano, quelle più direttamente esposte a fenomeni di interferenza. L’intento è quello di sensibilizzare i parlanti, ma soprattutto chi si trova a fare da ponte fra due realtà culturali e linguistiche diverse, affinché sia almeno consapevole del rischio che si corre nel trasportare da una sponda all’altra strutture architettoniche caratteristiche del luogo di partenza ma estranee a quello di arrivo. Ciò che va trasportato, o tradotto (nel senso etimologico del termine), è il contenuto del discorso, il suo senso, come San Gerolamo esortava a fare.

Angela Sileo è Dottore di Ricerca in Studi Umanistici (Lingue e Letterature Straniere) presso l’Università di Roma “Tor Vergata”, dove ha conseguito un Master in Traduzione Letteraria e Cinematografica nel 2011. È autrice di una monografia, Il doppiaggio tra cinema e televisione (1950-2004), e di numerosi saggi sull’argomento. Ha partecipato a convegni nazionali e internazionali, tra cui “Chiasmi 2015” presso l’Università di Harvard (MA, USA). Fa parte dell’Albo Traduttori e/o Revisori dell’Università di “Tor Vergata” e ha collaborato alla traduzione de Il diario di John Manningham del Middle Temple (1602-1603), primo volume edito da questa collana nel 2016.